INSETTI COME ALIMENTI, tanti ancora i dubbi

 In Alimenti, Legislazione alimentare, News, Settore alimentare, Sicurezza alimentare

Ancora tante lacune e dubbi per quanto riguarda gli insetti come alimenti; EFSA e BfR provano a dare qualche risposta.

Dopo l’autorizzazione sul mercato della larva di Tenebrio molitor come novel food, nel mese di giugno 2023 sono stati pubblicati due documenti, uno studio del Panel sulla nutrizione, i novel food e gli allergeni alimentari dell’EFSA; e un parere dell’Istituto tedesco per la valutazione dei rischi BfR 

EFSA, VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DELLA LARVA DI TENEBRIO MOLITOR, TRATTATA CON I RAGGI UV 

Facendo seguito a una richiesta della Commissione europea, il Panel EFSA ha prodotto un parere relativo alla polvere di larva del Tenebrio molitor, o tarma della farina, trattato con raggi UV, come novel food.  

EFSA era già stata chiamata a valutare il prodotto, in un precedente documento di cui avevamo già parlato. INSETTI COMMESTIBILI: VALUTAZIONE EFSA SULLE LARVE DI TENEBRIO MOLITOR 

Il prodotto, come dicevamo, si riferisce alla forma larvale dell’insetto della specie Tenebrio molitor. Il novel food di riferimento è la polvere trattata della larva intera ed essiccata termicamente.  

Il prodotto è principalmente composto di proteine, grassi, carboidrati e chitina.  

I contaminanti principalmente associati a questo prodotto possono dipendere dalla loro presenza negli alimenti destinati a queste larve. In più il Panel EFSA ha dichiarato che non sembrano esserci preoccupazioni relative alla stabilità del prodotto, qualora questo sia conforme ai limiti proposti durante la shelf-life. 

Viene, inoltre, indicato come prodotto alto-proteico, anche se le proteine risultano essere sovrastimate quando si utilizza il fattore di conversione dell’azoto, a causa della presenza di azoto non proteico.  

USO PREVISTO, di cosa si tratta?  

All’interno del documento, EFSA sottolinea spesso come il consumo di tali prodotti secondo l’uso previsto risulti essere sicuro. Ma qual è questo uso previsto? 

La tabella 15 del documento riporta le categorie alimentari all’interno delle quali è possibile utilizzare il prodotto e il livello massimo di utilizzo. Il richiedente ha proposto di utilizzare la larva di Tenebrio molitor come ingrediente in vari prodotti alimentari, quali: 

  • Prodotti da forno 
  • Pasta 
  • Composte di frutta e verdura 
  • Formaggi 

Anche se il prodotto sembra non essere svantaggioso dal punto di vista nutrizionale, nell’ambito di una dieta completa e varia, il panel di esperti ritiene che possano svilupparsi sensibilità al prodotto e reazioni allergiche, specialmente per quanto riguarda i soggetti già allergici ai crostacei e agli acari della polvere. Inoltre, anche gli allergeni dei mangimi possono risultare nel prodotto.  

BFR, REAZIONI ALLERGICHE DOVUTE AL CONSUMO DI ALIMENTI, MANCANO ANCORA DATI 

Anche il BfR ha pubblicato una comunicazione sull’argomento. La larva di Tenebrio molitor è stata il primo insetto ad essere approvato dalla Commissione europea nel giugno 2021. Da allora, anche altri insetti sono stati approvati, tra cui: 

  • Locusta migratoria 
  • Il grillo domestico 
  • E la larva di verme della farina minore (Alphitobius diaperinus) 

Gli alimenti prodotti utilizzando questi ingredienti, descritti nei rispettivi documenti di applicazione, possono essere immessi sul mercato in UE. Possono essere utilizzati in diversi modi, in base a quanto stabilito nei regolamenti applicativi. Tutti gli alimenti che contengono questi ingredienti sono considerati novel food e devono essere sottoposti alle procedure di approvazione previste.  

EFSA ha proposto, per tutti gli insetti approvati, di condurre ulteriori ricerche sul loro potenziale allergenico.  

Anche il BfR ne aveva già discusso in un precedente documento, di cui abbiamo già parlato nell’articolo Allergie alimentari causate dal consumo di insetti? Opinione BfR 

Per quanto riguarda i datti attualmente in nostro possesso, a causa del limitato consumo di insetti nella dieta in Europa, non sappiamo quanto siano diffuse le allergie alimentari agli insetti. I pochi studi che hanno esaminato questo aspetto sono principalmente dall’Asia orientale, dove il consumo di insetti è più comune. Inoltre, finora sono noti solo pochi casi in cui si sono verificate reazioni allergiche dopo il consumo di farina ottenuta da insetti approvati nell’UE.  

RIMANI AGGIORNATO SEMPRE! 

Normativa Alimentare® è sempre con te, ovunque tu sia e h24. Uno strumento professionale per l’aggiornamento e accrescimento delle competenze.

Non hai ancora l’accesso a Normativa Alimentare®? Allora contatta un nostro consulente.


    Recommended Posts

    Leave a Comment