REGOLAMENTO UE 2023/1442, modifica al regolamento sui MOCA in materia plastica.

Pubblicato il regolamento 2023/1442, che modifica l’allegato I del regolamento UE 10/2011, relativo ai MOCA in materia plastica.

Pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 12 luglio 2023 il regolamento UE 2023/1442, che modifica l’allegato I del regolamento 10/2011 riguardante i materiali e oggetti di materia plastica destinati al contatto con i prodotti alimentari, modificando e implementando le autorizzazioni all’uso delle sostanze. 

L’allegato I del regolamento UE 10/2011 istituisce l’elenco di sostanze autorizzate che possono essere aggiunte intenzionalmente durante la fabbricazione di MOCA in plastica.  

Facendo seguito ad alcuni nuovi pareri pubblicati dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare, EFSA, la Commissione ha ritenuto necessario modificare e aggiornare l’elenco delle sostanze utilizzabili, nonché risolvere alcune ambiguità.  

La prima novità riguarda le sostanze per le quali sono state revocate le autorizzazioni precedenti.  

La sostanza “farina e fibre di legno non trattati” era autorizzata come additivo nei MOCA in plastica, in quanto ritenuta materiale inerte. 

Tuttavia, EFSA ha concluso che tale materiale non può essere considerato inerte di per sè, poiché composto di molte sostanze a basso peso molecolare. Il parere conclude inoltre che non vi sono attualmente condizioni tali per cui l’utilizzo del legno nella materia plastica sia da considerarsi totalmente sicuro, anche date le caratteristiche chimiche variabili dei prodotti vegetali.  

Nel parere ESA del 29 aprile 2020, il comitato ha valutato le 451 sostanze presenti nell’allegato I per le quali non era stato fissato un limite di migrazione specifico, ritenendo che 248 di esse dovessero essere rivalutate, classificandole in tre gruppi di priorità.  

Le sostanze che sono state valutate come “ad alta priorità” sono risultate tre: 

  • STIRENE, già sottoposto a rivalutazione 
  • LAURATO DI VINILE, per il quale sono stati presentati ulteriori dati di utilizzo che ne hanno modificato, abbassandola, la priorità  
  • ACIDO SALICILICO, per il quale non sono stati presentati ulteriori dati. Per questa ragione, non avendo elementi di valutazione delle condizioni di utilizzo del materiale in cui la sostanza sarebbe aggiunta, anche l’autorizzazione dell’acido salicilico viene revocata dal regolamento.  

L’articolo 2 del regolamento indica le disposizioni transitorie relative a queste due sostanze, che potranno essere utilizzate e immesse per la prima volta dopo il 1° febbraio 2025, qualora soddisfino alcune condizioni, tra cui la presentazione e la convalida dell’Autorità di una richiesta di autorizzazione, l’utilizzo della sostanza alle condizioni descritte nella richiesta e una dichiarazione di conformità della richiesta al regolamento 

La seconda novità riguarda, invece, le sostanze per le quali il limite è stato modificato o inserito.  

Tra le sostanze valutate troviamo gli Ftalati, il dietil[[3,5-bis(1,1-dimetiletil)-4-idrossifenil]metil]fosfonato utilizzato per la fabbricazione di PET e PEF, la sostanza poli[(R)-3-idrossibutirrato-co-(R)- 3-idrossiesanoato] («PHBH»), autorizzata dal regolamento UE 2019/1338, e alcune altre.  

Il regolamento entrerà in vigore il ventesimo giorno dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, cioè il 1° di agosto. I materiali conformi alla versione del regolamento 10/2011 applicabile prima di questa, potranno essere immessi per la prima volta sul mercato prima del 1°febbraio 2025, fino a esaurimento scorte.  

RIMANI AGGIORNATO SEMPRE! 

Normativa Alimentare® è sempre con te, ovunque tu sia e h24. Uno strumento professionale per l’aggiornamento e accrescimento delle competenze.

Non hai ancora l’accesso a Normativa Alimentare®? Allora contatta un nostro consulente.


    Condividi su:

    Contattaci per maggiori informazioni!