Regolamento UE 2021/642, modifica al regolamento 2018/848

 In Alimenti, Biologico, etichettatura, Legislazione alimentare, News, Settore alimentare, Sicurezza alimentare

Pubblicato il regolamento UE 2021/642, che modifica determinate informazioni da indicare sull’etichetta dei prodotti biologici

Oggi, 20 aprile 2021 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Regolamento delegato UE 2021/642 che modifica l’allegato III del regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda determinate informazioni da indicare sull’etichetta dei prodotti biologici.

La modifica dell’allegato III (raccolta, imballaggio, trasporto e magazzinaggio dei prodotti) riguarda, in particolare, la sezione 2, intitolata imballaggio e trasporto dei prodotti verso altri operatori o unità.

Il regolamento UE 2021/642 apporta alcune modifiche all’esistente punto 2.1.1, nel seguente modo:

2.1.1. Gli operatori garantiscono che i prodotti biologici e in conversione siano trasportati ad altri operatori o unità, compresi i grossisti e i dettaglianti, solo in idonei imballaggi, contenitori o veicoli chiusi in modo che il contenuto non possa essere alterato né sostituito se non manipolando o danneggiando i sigilli e che siano provvisti di un’etichetta che, oltre alle altre indicazioni eventualmente previste dal diritto dell’Unione, riporti:

  1. il nome e l’indirizzo dell’operatore e, se diverso da quest’ultimo, del proprietario o del venditore del prodotto;
  2. il nome del prodotto; o, nel caso di mangimi composti, la loro descrizione, accompagnati da un riferimento alla produzione biologica;
  3. il nome o il codice numerico dell’autorità o dell’organismo di controllo a cui è assoggettato l’operatore;
  4. se del caso, l’identificazione del lotto attraverso un sistema di marcatura approvato a livello nazionale o concordato con l’autorità di controllo o l’organismo di controllo, che permetta di mettere in relazione il lotto con le registrazioni di cui all’articolo 34, paragrafo 5.

Inoltre, il regolamento UE 2021/642 inserisce due nuove sezioni, la sezione 2.1.2. e 2.1.3

2.1.2. Gli operatori garantiscono che i mangimi composti autorizzati nella produzione biologica trasportati ad altri operatori o aziende, compresi i grossisti e i dettaglianti, siano provvisti di un’etichetta che, oltre alle altre indicazioni eventualmente previste dal diritto dell’Unione, riporti:

  • le informazioni di cui al punto 2.1.1;
  • se del caso, per peso di sostanza secca:
    • i) la percentuale totale di materie prime biologiche per mangimi;
    • ii) la percentuale totale di materie prime in conversione per mangimi;
    • iii) la percentuale totale di materie prime che non rientrano nei punti i) e ii);
    • iv) la percentuale totale di mangimi di origine agricola;
  • se del caso, i nomi delle materie prime biologiche per mangimi;
  • se del caso, i nomi delle materie prime in conversione per mangimi;
  • per i mangimi composti che non possono essere etichettati conformemente all’articolo 30, paragrafo 6, l’indicazione che tali mangimi possono essere utilizzati nella produzione biologica a norma del presente regolamento.

2.1.3. Fatta salva la direttiva 66/401/CEE, gli operatori assicurano che sull’etichetta dell’imballaggio di una miscela di sementi di piante foraggere contenente sementi biologiche e in conversione o non biologiche di determinate specie di piante diverse per le quali sia stata rilasciata un’autorizzazione in base alle condizioni pertinenti di cui all’allegato II, parte I, punto 1.8.5, del presente regolamento siano fornite informazioni sui componenti esatti della miscela, indicati in percentuale di peso per ciascuna specie e, se del caso, varietà che la compongono.

In aggiunta ai requisiti pertinenti di cui all’allegato IV della direttiva 66/401/CEE, tali informazioni comprendono, oltre alle indicazioni richieste al primo comma del presente punto, anche l’elenco delle specie etichettate come biologiche o in conversione che compongono la miscela. La percentuale totale minima in peso delle sementi biologiche e in conversione presenti nella miscela è almeno pari al 70 %.

Nel caso in cui la miscela contenga sementi non biologiche, l’etichetta riporta anche la seguente dicitura: «L’uso della miscela è consentito esclusivamente nell’ambito dell’autorizzazione e nel territorio dello Stato membro dell’autorità competente che ne ha autorizzato l’uso conformemente all’allegato II, punto 1.8.5, del regolamento (UE) 2018/848 relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici.» 20.4.2021 IT Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 133/3 Le informazioni di cui ai punti 2.1.1 e 2.1.2 possono figurare unicamente in un documento di accompagnamento, purché quest’ultimo sia inequivocabilmente correlato all’imballaggio, al contenitore o al mezzo di trasporto del prodotto. Il documento di accompagnamento contiene informazioni sul fornitore o sul trasportatore.».

ENTRATA IN VIGORE

Al fine di migliorare la chiarezza della legislazione, il regolamento si applica a decorrere dalla data di applicazione del regolamento UE 2018/848, inizialmente disposta per il 1° gennaio 2021 ma, a causa della situazione pandemica, rimandata. Per ulteriori informazioni sulle modifiche recenti al regolamento UE 2018/848, si rimanda ad altri articoli pubblicati.

Biologico: modifica dell’applicazione del Regolamento UE 2018/848

Regolamento UE 2020/1693, pubblicato l’aggiornamento per il biologico

Il regolamento entrerà quindi in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e si applicherà a decorrere dal 1° gennaio 2022.

RIMANI AGGIORNATO SEMPRE! 

Normativa Alimentare® è sempre con te, ovunque tu sia e h24. Uno strumento professionale per l’aggiornamento e accrescimento delle competenze.

Non hai ancora l’accesso a Normativa Alimentare®? Allora contatta un nostro consulente.


    Recommended Posts

    Leave a Comment